GAMING NELLA FORMAZIONE

Articolo post evento di Marco Donadoni

9 giugno, si parla di giochi fra la via Emilia e il West, fra cosce e zanzare a cui dai del tu (un vero Ligabue c’è, anche se è Andrea, non proprio quello lì), fra duroni e amarene, sotto l’insegna della taverna sul Tiepido e l’egida del Modena In.

Giochi che, contrariamente alla definizione ufficiale di Huizinga il quale li pretende necessariamente gratuiti sotto ogni aspetto, sono invece pensati e usati a fine utilitaristico, a fine di crescita personale, aziendale, scolastica.
Ci sono insegnanti, consulenti, persone di risorse umane e ludologi, tutte e tutti uniti nell’attesa di condividere, capire e carpire elementi da riversare poi nella vita lavorativa quotidiana.
Perché se è vero che si parla di gioco, in realtà si intende lavoro, di come migliorarlo attraverso la metafora del dado, del quiz, del mattoncino da costruzione, del roleplaying e dei loro tanti usi.
Cominciando col chiederci perché abbiamo voglia di saperne un po’ di più, continuando con la citazione di elementi teorici sul concetto astratto e concreto di gioco, sulla potenza dell’idea del “giochiamo che io ero” così adatta ai bambini e così difficile da assimilare per gli adulti (tanto che nella proposta di provare a liberare il fanciullino che sta in noi questa sera alcuni non ci sono nemmeno riusciti …) per arrivare a vedere alcuni esempi pratici di applicazioni in ambito aziendale.
Quella in particolare che si é sviluppata è un mix di poesia giapponese – l’Haiku- e di indovina chi? , finalizzata a capire in concreto come si possono selezionare e indirizzare le parole al fine di esprimere sentimenti nell’ambito delle relazione e della comunicazione.
Il contesto formativo fa riferimento al modello di intelligenza emotiva come sviluppato da Goleman, concretizzato attraverso una piccola gara che prevede la distribuzione di alcuni “emoticon” con faccine da arrabbiato, triste, felice, euforico, disgustato e così via, da tradurre appunto in poesia sintetica secondo le regole canoniche dell’haiku: rigorosamente solo tre righe di 5/7/5 sillabe.
Un po’ come dire con Ruggeri: mare d’inverno/stanche parabole di/ vecchi gabbiani.
Una volta create in segreto queste liriche, ciascuno legge la sua e il pubblico giocante cerca di indovinare a quale emozione fa riferimento. Obiettivo ludico: essere il partecipante che ne indovina di più; obiettivo formativo: imparare che si possono controllare le emozioni attraverso la comunicazione.
Il risultato: molte facce sorridenti e la speranza di portare a casa qualche nozione in più su come si può imparare/crescere seriamente senza essere seriosi.
Magari andando anche oltre i cosiddetti “serious games”.
Magari valorizzando anche la competenza specifica dei NON esperti.

Un caro saluto a tutta Modena
Marco Donadoni

 

 

4 commenti

  1. ermes sargenti

    Ho partecipato per pura curiosità. Marco sa come coinvolgere le persone. Sto leggendo ora uno dei suoi libri metaforming. Interessante

  2. Mi occupo di formazione (scuole ed azienda) utilizzando i giochi da anni e sono un esprrto di giochi. Conoscevo Marco come autore di giochi e mi ha davvero piacevolmente sorpreso sentirlo parlare di formazione. È stato uno dei primi in Italia ad utilizzare i giochi nella formazione e la sua esprienza di NON esperto è davvero prezioso.

    Congratulazioni a chi ha organizzato l’incontro e scelto l’esperto
    Andrea

  3. Bella esperienza, come sempre questi eventi sono ascolto, confronto e contaminazione, se ne esce con tanti stimoli che nei giorni successivi diventano idee e magari ci si trova a fare qualcosa in modo diverso, grazie ai suggerimenti colti ‘tra le righe’!
    Grazie a Marco ed ai colleghi che hanno accettato la ‘gamificazione’ della serata e mettendosi in gioco hanno permesso ad ognuno di portarsi a casa qualche semino da coltivare e far germogliare.
    Alla prossima !

Lascia una commento

EmiliaRomagnaIN - Associazione Culturale -  Via Curtatona 41/2 - 41126 Modena - C.F. 94154440369 - segreteria@emiliaromagnain.it
Powered by Marketing Informatico